Gossip Girl: scottanti retroscena sulla storia tra Blake Lively e Leonardo DiCaprio

0
881

Nell’amore non ci sono regole. Correva il 2011 quando Blake Lively e Leonardo DiCaprio ebbero un flirt, durato qualche mese. Una storia stravagante, come rivela oggi Joshua Safran, produttore esecutivo di Gossip Girl.

DiCaprio riceveva le foto di una bambola

A 10 anni dalla prima messa in onda della serie, Safran racconta a Vanity Fair alcuni retroscena sulla relazione. “Abbiamo scoperto tantissime cose grazie a Blake. Quando ripenso agli episodi a Los Angeles, mi ricordo che si frequentava con lui [DiCaprio]. Questi due avevano qualcosa per cui lei, ogni tanto, fotografava questa sua bambola e inviava le foto a Leo”. E commenta: “Lei era già un passo avanti, anche un passo avanti a Instagram. Blake documentava ogni momento della sua vita con uno scatto fotografico quando ancora non lo faceva nessuno”.

Lively: la famiglia con Reynolds

Dopo la relazione con DiCaprio, la bella attrice si è innamorata di Ryan Reynolds. “Sapevo che sarebbe stato il mio migliore amico per sempre”, aveva spiegato Lively a Marie Claire sui sentimenti provati per Reynolds. “Era una cosa più grande di me. Non avevo mai conosciuto niente di simile all’amicizia che si è creata con lui. Mi piaceva tutto questo tanto quanto lo amavo”. La coppia, felicemente sposata, ha dato al mondo due splendidi figli: James e Ines, nati a un anno e mezzo di distanza. “La famiglia”, proseguiva Lively, “ecco dov’è il mio cuore, ecco dov’è il mio tutto. Ryan ha avuto una bella, e normale educazione, e vogliamo che i nostri figli abbiano la stessa vita che abbiamo avuto noi. Non potremmo mai derubarli di ciò che noi abbiamo avuto”.

Gossip Girl: sequel in programma?

In merito a un possibile ritorno di Gossip Girl, Blake si è detta interessata a valutare eventuali proposte: “Sono disponibile a provare qualsiasi cosa sia interessante, e se mi verrà proposto un copione davvero buono prenderò in considerazione la faccenda – ammette a Vanity Fair -. Non posso parlare per gli altri, ma devo moltissimo a questo show e sarebbe sciocco non ammetterlo”. La serie televisiva è stata un vero e proprio fenomeno di costume: “Non l’ho percepita come recitazione… Mi sembrava di essere al centro di una macchina di marketing, un fenomeno culturale. Certi giorni giravamo anche tre episodi alla volta, ci davano le battute all’ultimo minuto e non sapevamo dove sarebbero andati a finire i nostri personaggi. Non c’era un piano dietro… Era tutto molto improvvisato. C’erano i paparazzi che ogni tanto saltavano davanti alle telecamere e ci fotografavano. Non sembrava proprio un set vero, ma più un esperimento culturale”.

Views All Time
Views All Time
446
Views Today
Views Today
1

Commenta l

Loading...